Implantologia in assenza di osso

Implantologia in assenza di osso: siamo specializzati in casi difficili con poco o senza osso.
Implantologia in assenza di osso

Effettuiamo impianti completi anche in situazioni di atrofia ossea estrema (assenza totale di osso), in assoluta sicurezza e con risultati immediati.

Questo grazie alla progettazione computerizzata 3D, alla stereolitografia e ai trattamenti No Panic per i pazienti complessi.

In particolare, siamo uno dei sette centri in tutta Italia ad eseguire impianti sottoperiostei completamente personalizzati.

Quando ricorrere all’implantologia dentale in assenza di osso

La perdita di un dente o traumi di altro genere possono portare a problemi ossei. L’osso mascellare che in precedenza sosteneva i denti perduti inizia ad assottigliarsi e viene progressivamente riassorbito, fino ad arrivare a situazioni di atrofia estrema. Sostituire i denti mancanti è importante proprio per questo motivo, oltre che per il recupero delle funzioni estetiche, masticatorie e fonatorie della bocca.

Se hai già una situazione di atrofia ossea dovuta a parodontite, utilizzo prolungato della dentiera o qualsiasi altra causa traumatica, troverai in questa pagina tutte le soluzioni per il tuo caso proposte dallo Studio Dottor Cassetta, uno dei soli sette centri in Italia ad effettuare operazioni di implantologia sottoperiostea (o iuxtaossea) completamente personalizzate.

Implantologia Dentale Avanzata in assenza di osso: le opzioni

Allo Studio Dottor Cassetta, prima di procedere con questa o con qualsiasi altra operazione di chirurgia orale, il paziente è sottoposto ad approfonditi esami diagnostici come l’ortopantomografia o il TC dental scan per verificare la struttura ossea presente e le condizioni del seno mascellare.

Implantologia Dentale Avanzata in assenza di osso
Implantologia Dentale Avanzata in assenza di osso

 

Una volta accertate le condizioni di partenza, paziente e medico specialista converranno insieme sulla soluzione migliore da adottare per l’ottenimento del risultato ottimale nel rispetto delle preferenze e della sicurezza del paziente.

Ricostruzione Ossea con Innesti – Rialzo del seno mascellare

Tramite procedure di ricostruzione ossea è possibile procedere al cosiddetto rialzo del seno mascellare. L’obiettivo di questa procedura è aumentare la quantità di osso presente nell’arcata dentaria superiore, per prepararla all’inserimento di impianti dentali. Gli impianti, infatti, hanno bisogno di essere inseriti in una struttura ossea adatta alla loro osteintegrazione per potersi installare correttamente.

Il rialzo del seno mascellare è una procedura eseguita per aumentare la quantità di osso nell’area dei molari dell’arcata superiore, per prepararla all’inserimento di uno o più impianti dentali. Questo risultato viene ottenuto tramite l’integrazione dell’osso con materiali artificiali biocompatibili o con materiale osseo autologo, ovvero prelevato da altre zone del corpo del paziente stesso. Così facendo sarà finalmente possibile posizionare gli impianti e, infine, i nuovi denti su di essi.

Impianti Zigomatici

L’impiantologia zigomatica è una tecnica implantologica speciale che consente di installare protesi dentali fisse sul mascellare superiore anche di persone completamente edentule e prive di osso mascellare. Su questi pazienti non sarebbe possibile installare impianti tradizionali a causa della limitata o nulla disponibilità di osso, che impedirebbe l’osteointegrazione delle radici in titanio nella mascella.

Il Dr. Marco Rinaldi è ideatore di un’innovativa tecnica chirurgica computer guidata per l’inserimento degli impianti zigomatici.

L’impianto vero e proprio è realizzato in titanio biocompatibile al 100% e progettato appositamente per garantirne la perfetta integrazione nell’osso zigomatico in cui verrà inserito. Generalmente, è composto da quattro viti di lunghezza compresa tra i 2 e i 5 cm, a cui vengono poi agganciati gli impianti che sorreggeranno la nuova arcata dentale funzionale, in grado di sostenere una protesi definitiva anche con protocollo di carico immediato (denti fissi in una sola seduta).

Il vantaggio principale dell’impianto zigomatico è senz’altro quello di consentire la riabilitazione in modo completo e soddisfacente della bocca del paziente edentulo e in condizioni di atrofia ossea, sebbene non sia l’unica soluzione. Inoltre questa tecnica:

  • È minimamente invasiva;
  • Si realizza in una sola seduta chirurgica;
  • Garantisce un elevato comfort funzionale ed estetico;
  • Riduce al minimo i disagi post-operatori.

Per informazioni più complete e video esplicativo puoi consultare la nostra pagina dedicata all’implantologia zigomatica.

Impianti Sottoperiostei (o iuxtaossei) – AMSJI

Laddove non vi sia osso sufficiente per un impianto tradizionale, l’alternativa meno invasiva e più completa dal punto di vista funzionale ed estetico è l’impianto sottoperiosteo (detto anche iuxtaosseo o sottoperiostale).

Questo tipo di tecnologia è unico rispetto alle altre soluzioni di implantologia perché non prevede l’inserimento di viti in titanio all’interno della struttura ossea del paziente. Bensì, l’impianto sottoperiosteo si appoggia alla membrana di tessuto connettivo che avvolge l’osso, il periostio appunto.

Per tale motivo questa tecnica implantologica è estremamente meno invasiva. Inoltre, a differenza dell’impianto zigomatico che ha bisogno dell’osso dello zigomo per ancorarsi, questo impianto può essere installato anche sulla mandibola e dà la possibilità di riabilitare anche le arcate inferiori di pazienti affetti da atrofia ossea, anche severa, a livello della mandibola.

L’acronimo AMSJI (Additively Manufactured Subperiosteal Jaw Implant) definisce un impianto sottoperiosteo completamente personalizzato sulle esigenze del paziente e realizzato con tecniche e materiali innovativi. Questo particolare impianto rappresenta un approccio totalmente alternativo ed evita i problemi relativi alle altre tecniche più invasive. L’impianto si fissa ai pilastri medio-facciali e nell’osso zigomatico. Queste aree sono stabili senza riassorbimento osseo significativo e, dopo due-tre mesi, la protesi provvisoria può essere sostituita con quella definitiva e il paziente può riacquisire fin da subito la normale funzione masticatoria.

Informazioni complete e video esplicativo nella nostra pagina dedicata ad AMSJI.

Casi clinici di esempio

casi clinici
casi clinici

Esempi di casi clinici di riabilitazione:

Esempi di interventi complessi e in carenza di osso:

Quanto costa un impianto in assenza di osso?

Lo Studio del Dottor Cassetta è convenzionato con numerosissimi fondi di sanità integrativa e prevede varie forme di pagamento agevolato. Per maggiori informazioni clicca qui.

Hai ancora dubbi?

Non esitare a contattarci telefonicamente

oppure invia una richiesta di contatto

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email
Chiudi il menu
Richiedi Implantologia in assenza di osso